Konfessionelle Netzwerke der Deutschen in Russland 1922–1941

Quellen-Datenbank

Seite 
 von 100
Dokument Nr. 25

2. Die Neuordnung der kirchlich-jurisdiktionellen Verhältnisse bei den Katholiken in Sowjetrussland/der Sowjetunion 1917–1926

Segreteria di Stato, Sezione per i Rapporti con gli Stati, Archivio Storico (S.RR.SS.),
Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinari (AA.EE.SS.),
Russia (1926),
Scat. 659 P.O.,
Fasc. 46,
Fol. 47r-48r

Datum: 29. April 1926
Verfasser: Antonio di Okolo-Kulak
Empfänger: Kardinal Luigi Sincero
Inhalt: Nach der Reise d’Herbignys in die Sowjetunion im Frühjahr 1926 verhaften die Behörden des Innenministeriums (GPU) in Moskau Priester.

Varsavia, il 29 Aprile 1926.
via Mazowjecka 11/31.
 
 
Eminenza Reverendissima!
 
Ci sono giunte recentemente dalla Russia le notizie che fanno chiara tutta la perfidia dei bolscevichi. Ci si scrive quanto segue:
“Adesso in seguito dell’arrivo del P. d’Herbigny il G.P.U./l’Amministrazione Politica di Stato”, già “Ceka” /spia attentivamente [attentamente] i preti. Nel sabato 3/IV ha fatto una perquisizione dal Don Lupinowicz /parroco e decano di Mosca/ e l’arresto. Dopo averlo qualche ore [ora] ritenuto ed esaminato il G.P.U. lo lascio liberò, esigendo però, che seguì l’obbligazione di non partire da Mosca. Lo esaminavamo sopra la rilazione [relazione] col clero cattolico all’estero e sopra il modo di communicare [comunicare] con esso e specialmente col P. d’Herbigny. Nello stesso giorno si e [è] venuto per arrestare il Don Cakul / un altro parroco in [a] Mosca/, ma avendolo trovato nel letto febbricitante, lasciaronlo [lo lasciarono] in casa limitandosi ad una perquisizione rigorosa, in seguito della [alla] quale gli hanno preso tutta la corrispondenza. Anche il decano di Charkow fu fatto comparire nel G.P.U. Nella casa di lui [nella sua casa] si fece una perquisizione e se lo obbligo [lo obbligarono] a non lasciare la città. Siccome egli amministrava parecchie parrocchie, quelle rimangono attualmenie [attualmente] privi [prive] del pastore. I bolscevichi fanno i preti pagare [fanno pagare i preti] per [i] loro alloggi degli affitti enormi: per due piccole stanze si paga rubli 100 al mese [si paga 100 rubli al mese per due piccole stanze] /R.100 ca dol.20/.”
Avendo l’onore di comunicare tutto ciò alla Vostra Eminenza, ne bacio umilmente la mano.
 
Mons. Antonio de Okolo-Kulak
 
 
Al Eminentissimo e Reverendissimo Signore
Cardinale Luigi Sincero
Roma

Empfohlene Zitierweise:
Dokument Nr. 25, in: Konfessionelle Netzwerke der Deutschen in Russland 1922-1941. Quellen-Datenbank. Hrsg. von Katrin Boeckh und Emília Hrabovec. URL: http://www.konnetz.ios-regensburg.de/dokumenteview.php?ID=25, abgerufen am: 22.01.2022.
Seite 
 von 100
Druckerfreundliche Anzeige: Druckerfreundlich
 

PDF: PDF
Ok, verstanden

Website nutzt Cookies, um bestmögliche Funktionalität bieten zu können. Mehr Infos